ALLEVAMENTI E TRAPPOLE

ALLEVAMENTI

Gli animali vengono allevati in gabbie di filo di ferro della misura appena sufficiente per non rovinarsi il manto rigirandosi; spesso, nonostante siano animali solitari, vengono posti assieme (anche tre o più per gabbia) con il rischio di conseguenti aggressioni.

La vita di un animale in gabbia è dettata dalla noia e dallo stress, che portano a comportamenti stereotipati e continui, automutilazioni e cannibalismo.

Gli animali sono esposti a gelidi venti, così da stimolare la produzione di pelo folto e redditizio.

Il cibo viene distribuito a polpette sopra la gabbia per risparmiare tempo; quindi gli animali lo leccano attraverso le sbarre della rete, ma quando la temperatura è di molti gradi sotto lo zero, la lingua degli animali si attacca al metallo per congelamento; nei casi più gravi dei pezzi rimangono attaccati alle sbarre.

Nel cibo vengono miscelati medicinali e psicofarmaci per inibire l’aggressività e farli resistere allo stress.

I visoni sono amanti dell’acqua, ma negli allevamenti la vedono solo attraverso una valvola a pressione che devono imparare a spingere col naso; quando in inverno si rischia il congelamento l’acqua viene miscelata al cibo, con una certa quantità di anticongelante.

Quando giunge il periodo delle nascite si compie uno dei maggiori drammi del mondo degli allevamenti: gli animali sono stressati dai cicli riproduttivi forzati; spesso parte dei piccoli viene uccisa dalla stessa madre; gli altri muoiono per le condizioni disagevoli o per malattie.

Gli incroci selettivi, attuati per soddisfare le esigenze del mercato, hanno portato ad una serie di menomazioni come sordità e nevrosi, che però sono considerate di scarsa importanza perché non incidono sul valore della pelle.

2337021207_6e0098bcc9_o.jpgImg22.gif

 

TRAPPOLE

Sono tanti anche gli animali uccisi in libertà per farne delle pellicce. Si stima che siano10-20 milioni i mammiferi catturati nei boschi con le tagliole in tutto il mondo.
Gli animali vittime di queste trappole rimangono anche per una settimana ad aspettare il cacciatore, che verrà ad ucciderli se non sono già morti per dissanguamento.
Nel frattempo la ferita si gonfia provocando dolori indescrivibili.
Spesso le vittime delle tagliole sono animali non utilizzabili per le pellicce, uccisi e gettati via, quindi è una caccia spietata che non risparmia nessun mammifero abitante del bosco.
Sono diffusi i casi in cui l’allevatore trova solo una zampa nella tagliola, poiché gli animali nel disperato tentativo di liberarsi ricorrono all’automutilazione…

fototrappolecrop.gif

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in NO ALLE PELLICCE. Contrassegna il permalink.

Una risposta a ALLEVAMENTI E TRAPPOLE

  1. Fiore ha detto:

    Io invece mi ero occupata di altri tipi di allevamenti, quelli molto sviluppati ovunque e, x la maggior parte della gente, accettati di buon grado quasi fossero 1 male giustificabile, quando invece è tutt\’altro ke così o almeno dovrebbe essere… eccoti il link : http://fiore55.spaces.live.com/blog/cns!AC5B051AC0B2A481!2851.entry ;

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...